Da Mascagni a Puccini. La grande musica di TaoArte con Tosca, Pagliacci e la Cavalleria Rusticana. Sabato 2 agosto il debutto

Giuliacci e Castiglione

Il tenore Piero Giuliacci con il M° Enrico Castiglione

Cresce l’attesa per gli spettacoli lirici firmati al Teatro Antico di Taormina da Enrico Castiglione, regista e scenografo: si tratta di Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni a Pagliacci di Ruggero Leoncavallo e, successivamente, di Tosca di Giacomo Puccini. Tre imponenti produzioni, realizzate dalla Fondazione Festival Euro Mediterraneo e inserite nella programmazione di Taormina Arte, in particolare della sezione “Musica & Danza”, di cui Enrico Castiglione è direttore artistico. L’edizione 2014, che rinnova la sinergia tra la Fondazione Festival Euro Mediterraneo e Taormina Arte, offrirà inoltre la rappresentazione del capolavoro mozartiano Il ratto dal serraglio, due concerti sinfonici di altissimo valore e una serata di gala dedicata all’operetta, in collaborazione con il Festival Belliniano.

Il debutto, fissato per sabato 2 agosto, prevede insieme il dittico di Mascagni e Leoncavallo, in replica lunedì 4 agosto. Cast di primissimo ordine: in Cavalleria rusticana il soprano Silvana Froli (Santuzza), il tenore Piero Giuliacci (Turiddu), il soprano Tian Hui (Lola), il mezzosoprano Sofio Janelidze (Mamma Lucia), il baritono Marcello Lippi (Alfio).

In Pagliacci ancora Piero Giuliacci (Canio), il soprano Valeria Sepe (Nedda/Colombina), il tenore Giuseppe Distefano (Pepe/Arlecchino), i baritoni Giovanni Di Mare (Tonio/Taddeo) e Valdis Jansons (Silvio). Per quel che riguarda Tosca tre le recite (9, 11 e 13 agosto). Si tratta di un nuovo allestimento le cui idee plastiche della scenografia e il dinamismo realistico della regia ben si sposano con l’eleganza dei costumi disegnati da Sonia Cammarata. Il Coro Lirico Siciliano e l’Orchestra Nazionale della Turchia diretta da Cem Mansur si esibiranno insieme a un cast d’eccezione: il soprano Elena Rossi (Tosca), il tenore Nester Martorell (Cavaradossi), il baritono Francesco Landolfi (Scarpia); e ancora il baritono Giovanni Di Mare (sagrestano), il basso Gianluca Lentini (Angelotti e Sciarrone), il tenore Giuseppe Distefano (Spoletta), il basso Alberto Maria Antonio Munafò-Siragusa (carceriere) e il contralto Antonella Leotta (pastorello).

Tra una rappresentazione e l’altra di Tosca, la sezione “Musica&Danza” propone le più belle arie, romanze e musiche tratte dalle più celebri operette, eseguite sotto la direzione di Salvo Miraglia, saranno così protagoniste del “Gala dell’operetta” che andrà in scena domenica 10 agosto.
La Turkish National Orchestra, torna il 12 e 14 agosto, sotto la direzione di uno dei più versatili direttori d’orchestra turchi, Cem Mansur, in due distinti concerti sinfonici, il primo dedicato alla Russia, il secondo alla Germania.

Infine, il 6 settembre, per la prima volta al Teatro Antico di Taormina un capolavoro operistico di immenso fascino ed attrattiva come il Singspiel intitolato Il ratto dal serraglio (Die Entführung aus dem Serail) di Wolfgang Amadeus Mozart. Si tratta di un nuovo allestimento che arriva dalla Turchia, in coproduzione con l’Opera Nazionale di Ankara.

Vuoi lasciare un commento?