Vinicio Capossela “ospite” a sorpresa delle solitudini in una rassegna fantasmagorica e segreta al Gatto Blu di Catania

Efest EtceteraSono tempi in cui la cultura non ha vita facile. Non la ha, e men che meno, in una città come Catania, in cui realtà concrete e produttive come La Lomax sono costrette a chiudere i battenti per la totale mancanza di fondi e sovvenzioni.
Nonostante tutto essa sopravvive, autoalimentandosi della sue stesse inesauribili possibilità creative, elaborando nuove vie di accesso agli spazi cittadini. Esattamente ciò che in questi giorni hanno sperimentato con successo Jacopo Leone e gli organizzatori della rassegna Efest Etcetera, vistisi costretti ad annullare un cartellone di quindici concerti, tre conferenze, un workshop e due cene tematiche. “Ciò non vuol dire che rimarremo inattivi, ma semplicemente che coveremo le nostre passioni in gran segreto, per evitare che vengano fiaccate dall’attualità”, così commentano gli stessi organizzatori nella presentazione al primo evento fantasma presentato alla città sabato 11 ottobre e intitolato “Radici, fantasmi ed altre solitudini”.

I locali del teatro “Il Gatto blu”, location segreta svelata solo poche ore prima dell’evento, hanno ospitato nei loro suggestivi spazi un evento tanto insolito quanto lodevole. Un’intera serata, a partire dalle 19, dedicata alla musica e alla cultura di un’alimentazione etica e sostenibile, con degustazioni di ottimi vini e prodotti biologici a chilometro zero. Ospite culinario Carmelo Chiaramonte, cuciniere errante, con un’insolita performance tra fornelli e musica sonorizzata dalle percussioni di Alfio Antico, poi esibitosi in un assolo mozzafiato per voce e tamburelli.

Altri ospiti musicali tre artisti americani scritturati dalla Mississippi Records: la violoncellista Lori Goldston, nota per la sua collaborazione coi Nirvana di Kurt Cobain; Marisa Anderson, blues girl dalle incredibili doti virtuosistiche, e il folk singer dal nome ignoto noto come Dragging an Ox through water. Presente a sorpresa, in qualità di spettatore, anche Vinicio Capossela, che conclude in bellezza la serata con un mini-show per voce e piano deliziando gli ultimi fortunati rimasti.
Marco Salanitri

FacebookTwitterGoogle+

Vuoi lasciare un commento?