Progetto scuola sicura: Catania cerca 40 addetti retribuiti tra i pensionati

Il logo del Piedibus

Il logo del Piedibus

Il comune di Catania cerca 40 pensionati per il progetto “A Scuola a piedi sicuri – Pedibus” per diventare addetti al servizio di accompagnamento e vigilanza da attivare all’ingresso e all’uscita di alcuni edifici scolastici della città. Il bando è visionabile sul sito internet del comune insieme all’elenco completo delle scuole.
Possono presentare domanda di partecipazione i cittadini italiani che alla data di pubblicazione del bando risultano: residenti nel comune di Catania; titolari di pensione; di età compresa fra 55 e 70 anni; in possesso dell’idoneità psico-fisica per lo svolgimento dell’attività prevista dal progetto (attestata da certificazione medica); non avere riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso. A pena di esclusione, la domanda di ammissione alla selezione in carta semplice, deve essere redatta utilizzando il modello che si trova insieme al bando, allegando: certificazione ISEE; copia del documento di riconoscimento in corso di validità; copia del Codice Fiscale.
La firma dell’aspirante deve essere apposta, a pena di esclusione, in originale in calce al modello di domanda. La mancanza della sottoscrizione dei modelli determina l’esclusione dalla selezione in quanto detta firma ha validità anche quale sottoscrizione di tutte le autocertificazioni e dichiarazioni sostitutive in essa contenute.

La domanda di ammissione dovrà specificare le scuole (fino a un massimo di 3) dove il candidato intende partecipare per la selezione. Tale domanda dovrà pervenire a pena di esclusione, entro le ore 12,00 del ventesimo giorno dalla data di pubblicazione all’Albo Pretorio on line del Comune di Catania, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, o presentata a mano all’Ufficio Protocollo del Coordinamento I Area del Comune di Catania, sito in Via Pulvirenti, n. 4.
La busta chiusa contenente la domanda di ammissione alla selezione, oltre al proprio nome e cognome, dovrà presentare la seguente dicitura: Avviso pubblico progetto “A scuola a piedi sicuri – Pedibus”. L’Amministrazione si riserva, qualora in alcune scuole non venga raggiunto il numero di domande necessarie per lo svolgimento del progetto, di impiegare i candidati, che abbiano fatto richiesta in altre scuole, nelle sedi scoperte.
Per il servizio prestato è previsto il pagamento di “buoni lavoro” (Voucher) per lavori occasionali e accessori, nominale di 10 euro (7,50 netti) ogni due interventi (ingresso e/o uscita), con il quale è garantita la copertura previdenziale Inps e assicurativa Inail. Il Comune precisa che il compenso risulta totalmente cumulabile con qualsiasi trattamento pensionistico e che non sono previsti rimborsi per le spese di viaggio casa/scuola.
Il progetto Piedibus prevede che i gruppi formati da una quindicina di bambini vengano accompagnati da casa a scuola e da scuola a casa, da adulti autorizzati e specializzati per rendere il percorso sicuro, ecologico e salutare.

FacebookTwitterGoogle+

Vuoi lasciare un commento?