Mario Cucinella a Catania per il G124. Conclusi i “Giochi di Strada” e consegnata l’area al quartiere di Librino

Mario-Cucinella-1L’architetto Mario Cucinella è intervenuto alla conferenza stampa finale in occasione del completamento dei lavori del progetto G124 a Catania. Cucinella è stato tutor degli architetti Roberta Pastore e Roberto Corbìa nell’anno di attività svolto in città e ha effettuato diversi sopralluoghi durante la realizzazione dell’intervento di riqualificazione che ha interessato il quartiere di Librino.
L’architetto, di origini siciliane, ha preso parte al tavolo dei relatori che sono intervenuti alla conferenza organizzata alla Club House “Giuseppe Cunsolo” del Campo San Teodoro di Librino, con lui gli architetti del team G124 scelti dal Renzo Piano.
Parteciperà inoltre Carlo Colloca, docente di sociologia urbana dell’Università di Catania. In occasione della conferenza è attesa la presenza del sindaco di Catania, Enzo Bianco, della Giunta, dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine e dei partner che hanno sostenuto il “rammendo” operato su Librino.
Durante la presentazione è stata  illustrata l’intervento di Corbia e Pastore al Campo San Teodoro di Librino e saranno consegnati al quartiere le opere nate dal workshop “Giochi di Strada”: quindici creazioni realizzate da designer, architetti e ingegneri, coordinati da Giorgio Laboratore e l’Accademia Abadir, portate a termine dopo 4 giorni di lavoro continuato.

L'architetto Mario Cucinella

L’architetto Mario Cucinella

Diverse attività si sono svolte prima e dopo la conferenza. In apertura l’intervento di “Giochi di Strada” è stato spiegato direttamente dagli architetti del G124 ai bambini dell’IC “Vitaliano Brancati”, che successivamente si sono spostati al San Teodoro per giocare nella nuova area creata dal team. Ad accompagnare la presentazione l’orchestra della scuola “Angelo Musco” di Librino; contemporaneamente ha preso il via il workshop “I pupazzi di FaBimbo”, dedicato ai bambini dai 6 anni in su e realizzato da FabLab, partner G124.

FacebookTwitterGoogle+

Vuoi lasciare un commento?