Le donne comandano il mercato auto. In Italia il “potere” maggiore è al sud e nelle isole

donne e motoriIl mercato automobilistico americano vede le scelte al femminile diventare sempre più numerose e importanti. Il fenomeno è in crescita anche in Italia. Il binomio donne e motori ha avuto valore nel mondo delle auto solo per quel che riguarda l’estetica. Adesso le cose sono del tutto cambiate, il binomio funziona anche per quel che riguarda la sostanza, cioè le vendite. Secondo una ricerca condotta da Toyota Usa il 62% delle persone che acquistano un’auto sono donne a fronte del 40% del 1989. L’incremento registrato è stato del 55%. Lo ha detto al J.D. Power Automotive Summit di San Francisco, Bob Carter, vicepresidente di Toyota Usa. Inoltre, Bob Carter ha anche reso noto che gran parte degli acquisti di auto, si stima circa l’80% del totale, sia condizionato dalla scelta o dall’opinione di una donna che influenza il marito o il compagno.

Il cambiamento del mercato automobilistico non è però solo questo. Carter ha infatti precisato che gli stravolgimenti saranno molti e importanti. «Oggi, il business è guidato da donne, giovani consumatori e nuovi mercati – ha detto -. Sarà così anche nel prossimo futuro».

Anche nel nostro Paese, secondo i dati raccolti e diffusi dall’Unrae, L’Unione Nazionale dei rappresentanti autoveicoli esteri, dal 2005 al 2012 si è registrato un aumento degli acquisti di auto fatti da donne che sono passati dal 36,6% al 40,4%. Una crescita che è avvenuta in maniera omogenea in tutto il territorio nazionale ma in maniera più significativa al Sud e nelle Isole.

Si legge nel “Book di Analisi del mercato degli autoveicoli in Italia”: «Rispetto ad alcuni anni fa la quota di mercato della componente femminile di acquirenti di auto è andata incrementandosi, confermandosi nel 2014 intorno al 40% del totale. Le donne, infatti, sono oggi clienti consapevoli e protagoniste nella scelta della vettura che intendono acquistare».

Vuoi lasciare un commento?