Vento in poppa per “Ottovolante”. Domani inizia l’avventura del Mondiale di Vela di Barcellona

Equipaggio Ottovolante con Elias e Muhamed

Equipaggio Ottovolante con Elias e Muhamed

Settecentotrenta miglia dividono Siracusa da Barcellona. Circa sei giorni di navigazione che la barca “Ottovolante”, con il suo equipaggio, ha già percorso per raggiungere la città che ospiterà il Campionato mondiale di Vela – ORC World Championship 2015 che si svolgerà da domani, 27 giugno, fino al 4 luglio. Sono in dieci su “Ottovolante”: il comandante Fabio Santoro insieme agli skipper Angelica Gimondo, Moreno Boldini, Maurizio Mancuso, Dario D’Asaro, Michele Gallo, Gaetano Gibilisco, Muhamed Sabaly, Elias Orjin, e Giuseppe Monaco affronterà sei giorni di regate inshore e offshore (4 sulle boe e 1 regata lunga). Elias e Muhamed sono diventati quasi i testimonial di questa traversata che è tanto diversa da quella che entrambi hanno affrontato per arrivare sulle coste siciliane a bordo di barconi fatiscenti. L’imbarcazione ha lasciato il Porto di Siracusa la scorsa settimana, scortata da una motovedetta della Capitaneria di Porto, la stessa che il 28 settembre del 2013 ha soccorso Muhamed quando sbarcò a Siracusa. “Dal marzo 2013 – spiega il comandante della Capitaneria di Porto di Siracusa, Capitano di Vascello Domenico La Tellasiamo impegnati con i nostri uomini e le nostre unità navali nelle attività di ricerca e soccorso dei migranti che tentato di raggiungere le nostre coste anche in condizioni meteo marine particolarmente avverse”.

Il sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, consegna la bandiera all'equipaggio

Il sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, consegna la bandiera all’equipaggio

Prima della partenza l’equipaggio di Ottovolante ha ricevuto otto bandiere: quella italiana è stata consegnata dal comandante della Capitaneria di Porto di Siracusa, Capitano di Vascello Domenico La Tella, quella della Regione siciliana, dall’assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti, Giovanni Pizzo, la bandiera del Comune di Siracusa consegnata dal sindaco Giancarlo Garozzo a Muhamed Sabaly, che il 28 settembre del 2013 sbarcò proprio a Siracusa. “È stato emozionante – ha detto il sindaco Garozzo – consegnare la bandiera di Siracusa a Muhamed. Prendo a prestito le parole di Papa Francesco: costruire ponti e non muri. Allora, in una disciplina considerata elitaria come la vela, il gesto inclusivo del team di Ottovolante verso Muhamed ed Elias è un grande esempio per tutti”.

E ancora la bandiera della Comunità di sant’Egidio consegnata dal presidente Emiliano Abramo, lo stendardo del Circolo Velico Ribellino dal presidente Giuseppe Giglia, e quelle di tre sponsor Media Broker, Onda Energia e Agromonte. A benedire l’imbarcazione è stato padre Lobato Mupupuho del Mozambico.

Emozionatissimi Elias e Muhamed:All’inizio degli allenamenti ho avuto una gran paura a salire sulla barcaracconta Elias Orjin -, adesso il mio rapporto con il mare è completamente diverso”.
“Imparare il mio ruolo sulla barca è stato difficile
– dice Muhamed Sabaly – ma adesso mi sento sicuro”. Elias è cristiano, Muhamed musulmano e andranno per mare insieme. Elias sarà il “2 albero”: il giovane ganese sta vicino all’albero della barca e issa le vele, tirando le drizze dall’albero. Muhamed farà il “grinder” (letteralmente macina caffè). In pratica gira la maniglia per cazzare (tirare le funi) le vele.

Preparare tecnicamente questi due ragazzi è stato complicato soprattutto perché nessuno dei due parlava italiano – dice il comandante Fabio Santoro -. Elias e Muhamed però sono riusciti a entrare nelle dinamiche della barca. Sono due ragazzi fantastici e hanno legato subito con il resto del gruppo. Non hanno mai saltato un allenamento. Insieme a loro abbiamo vinto poche settimane fa il Vela Raduno di Marzamemi.

Una parte dell’equipaggio – continua Santoro – si occuperà del trasferimento di Ottovolante. Una volta giunti a destinazione ci vorranno un paio di giorni per modificare la barca dagli assetti da crociera utilizzati per raggiungere Barcellona”. Subito dopo, per Elias e Muhamed e per il resto dell’equipaggio, inizierà la competizione vera e propria.

La flotta è divisa in tre classi, ognuna delle quali avrà il proprio Campione del Mondo ORC. 105 le imbarcazioni registrate.

4 i continenti coinvolti: Europa, Asia, America e Oceania

23 paesi in lotta per il titolo: Spagna, Italia, Lettonia, Germania, Ecuador, Svizzera, Perù, Stati Uniti d’America, Russia, Thailandia, Francia, Isole Marshall, Regno Unito, Ucraina, Isole Vergini, Estonia, Brasile, Repubblica Ceca , Danimarca, Portogallo, Belgio, Estonia e Paesi Bassi si contenderanno i titoli nelle acque del Mediterraneo, sotto l’organizzazione del Real Club Nautico de Barcelona.

Vuoi lasciare un commento?