Da lunedì Catania inizia la raccolta differenziata: chi deve farla, come farla, a chi chiedere il kit

Assessore D'Agata con i facilitatori

Assessore D’Agata con i facilitatori

Catania cambia pagina e inizia la raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta. Lunedì 30 è il giorno d’inizio che coinvolgerà – in questo primo step – 3.900 utenze nel quadrilatero compreso tra viale Odorico da Pordenone, viale Raffaello Sanzio, viale Vittorio Veneto e via Caronda. Quadrilatero in cui scompariranno definitivamente i cassonetti e da lunedì si comincerà a conferire con modalità ben precise e cadenzate innanzitutto negli orari: la spazzatura dovrà essere portata all’esterno dalle 20 alle 22.30 per consentire agli addetti di controllare, ritirare e lasciare in ordine le strade entro le quattro del mattino. Anche se, all’interno di questo quadrilatero, c’è un’eccezione: la parte alta di via Caronda è esclusa, per il momento, dal porta a porta perché questa zona coincide con l’affido alla Oikos della raccolta. Sempre in via Caronda alta gli unici civici che rientrano nella differenziata porta a porta sono: 295, 360, 366, 370, 374 e il 446 perché dispone di un doppio ingresso.

Kit domestico copiaIL CALENDARIO – Anche cosa conferire è già stato stabilito in base a un calendario che non prevede pause neanche la domenica. Ed ecco il calendario

lunedì – indifferenziata
martedì – organico
mercoledì – carta, cartone e cartoncino
giovedì – organico
venerdì – plastica e metalli
sabato – organico
domenica – vetro.

I FACILITATORI – Da circa due settimane i “facilitatori” – un termine coniato per identificare chi sta girando in quella parte della città che vivrà per prima questa sorta di rivoluzione, distribuendo i kit per la differenziata e cercando di spiegare in che modo la spazzatura dovrà essere conferita fuori casa – stanno girando di casa in casa. E se da un lato alcuni residenti non sono stati così solerti ad aprire porte e orecchie, dall’altro c’è chi questi ragazzi ancora non li ha proprio visti e adesso non ha gli “strumenti” per iniziare la differenziata. Due casi su tutti sono i due grandi condomini di via Caronda alta (in uno è presente il portiere) in cui i facilitatori, stando a quanto riferito dai condomini, non sono stati visti. Eppure anche loro dovranno iniziare a differenziare da lunedì.

IL NUMERO VERDE – Il problema si risolve chiamando il numero verde 800 594 444. Gli operatori forniranno tutte le informazioni necessarie compreso indirizzo e orari per il ritiro del kit negli ufficio di via Etnea 603 (chiuso il sabato). Fate attenzione perché il numero verde è attivo dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18.30 e il sabato dalle 7.30 alle 12.30. Quindi se siete in piena corsa al kit, avete solo domattina per chiamare e avere tutto pronto per il battesimo della differenziata.

Utenze domestiche - Cosa e quando conferire

Utenze domestiche – Cosa e quando conferire

COSA E QUANDO CONFERIRE – Non lasciatevi ingannare dal fatto che forse all’inizio chiuderanno un occhio o tutti e due perché non sarà così. Il presidente del Conai, Roberto De Santis, presente stamattina in conferenza stampa ha sottolineato che “i sacchetti della spazzatura non verranno ritirati se non verrà rispettata la qualità della differenziata”. Il che significa che per i primi dieci giorni i sacchetti verranno lasciati per strada con un messaggio in cui verrà specificato cosa non è stato rispettato (rifiuti misti o sacchetti non adeguati ad esempio), ma “da qui a una decina di giorni chi non rispetterà le regole verrà segnalato ai vigili – ha continuato De Santis – che potranno elevare le multe previste”.

facilitatori - differenziata cataniaEh già, perché dietro l’angolo ci sono anche le multe visto che la differenziata dovrà essere conferita tramite i sacchetti e i bidoni forniti che sono dotati di codice a barre. Ogni utenza, ogni famiglia un codice. Il che significa che quel codice a barre equivale a un cognome ben preciso.
Eppure fare la raccolta differenziata non è così assurdo, anzi è solo questione di abitudine e di organizzazione. Subito dopo subentra persino la piacevole sensazione di fare un’azione corretta che limita gli sprechi e persino le emissioni di CO2 nell’atmosfera. Ecco perché è fondamentale differenziare correttamente anche sciacquando i vasetti di yogurt prima di gettarli ad esempio.

Calendario domestico e non domestico

Calendario domestico e non domestico

Nel calendario che viene dato insieme al kit è specificato che i pannolini vanno conferiti una sola volta la settimana, ma chi ha bambini o anziani da accudire può segnalare – ai facilitatori o al numero verde – queste esigenze e potrà conferire pannolini e pannoloni tre volte la settimana.
L’obiettivo è quello di raggiungere la percentuale del 65% di differenziata nel più breve tempo possibile ed è per questo che, entro il 2016, la differenziata verrà estesa a tutta la città di Catania. “Già dalla prossima primavera – ha sottolineato il sindaco Bianco – con un nuovo appalto la differenziata verrà estesa a 17.500 utenze domestiche e 3.500 non domestiche per un totale di 45.000 abitanti. Inoltre con il prossimo appalto il Comune non riserverà per se stesso alcun tipo di raccolta per un’ulteriore riduzione dei costi”.

De Santis (Conai) e Bianco conferenza differenziata

De Santis (Conai) e Bianco conferenza differenziata

È bene specificare che l’obiettivo del 65% riguarda il riciclo non la raccolta in sé. Ecco perché la qualità del rifiuto è fondamentale ma anche vantaggiosa. “Il raggiungimento di questo obiettivo – ha aggiunto De Santis – consentirà al Conai di versare 5 milioni di euro al Comune” che a sua volta dovrà tradurre queste entrate in sconti sensibili nelle tasse sui rifiuti che potrebbero raggiungere anche i 200 euro.

Alla conferenza stampa di stamattina erano presenti anche l’assessore all’Ecologia ed Ambiente, Saro D’Agata e Fabio Costarella, Responsabile Conai per i Progetti Territoriali Speciali.

Monica Adorno

Vuoi lasciare un commento?