100mln di euro per Fontanarossa, firmato l’accordo sul piano di interventi tra Sac ed Enac

Gli investimenti riguardano il quadriennio 2017-2020 e si articoleranno in quattro grandi linee di intervento: Terminal B, Terminal C, riqualificazione air side e piano parcheggi

SAC, sx Giovanni Vinci (Cda Sac), Nico Torrisi (Sac), Roberto Vergari (Enac), Daniela Baglieri (Sac), Vincenzo Fusco (Enac), Rosario Dibennardo (cda Sac)

Da sinistra Giovanni Vinci (Cda Sac), Nico Torrisi (Sac), Roberto Vergari (Enac), Daniela Baglieri (Sac), Vincenzo Fusco (Enac), Rosario Dibennardo (cda Sac)

Quasi cento milioni di euro per l’aeroporto e Catania avrà tutti gli investimenti necessari per decollare. La firma sull’accordo di programma tra Sac ed Enac è stata apposta martedì 23 maggio e sigla un quadriennio di lavori che arricchiranno le potenzialità di Fontanarossa.
Alla stipula del Contratto di Programma erano presenti: Roberto Vergari (Direzione Centrale ENAC, Vigilanza Tecnica), Vincenzo Fusco (Direttore ENAC Aeroporto di Catania), Daniela Baglieri (Presidente SAC spa) e Nico Torrisi (Amministratore Delegato SAC Spa) con l’intero CdA e i rappresentanti dell’assemblea dei soci.
“Se si pensa che ogni euro speso per gli investimenti – ha commentato Daniela Baglieri presidente Sac SpA durante l’assemblea dei soci – corrisponde a un ritorno diretto e indiretto, anche per l’occupazione, pari a 800 euro, si comprende perfettamente il valore di questi investimenti. Ecco perché la firma apposta oggi è importante, perché si dà il via ai cantieri di sviluppo che servono a rispondere alle esigenze dei passeggeri. Dobbiamo offrire più servizi, anche di qualità, a quanti transitano dall’aeroporto. Sia per i voli nazionali sia per quelli internazionali. I benefici – continua la Baglieri – non saranno solo per Sac SpA che rappresenta un hub di sviluppo per il territorio, ma svolgerà un ruolo fondamentale per tutta l’economia della Sicilia orientale in modo diretto e indiretto. Diventeremo – conclude la Baglieri – la maggiore stazione appaltante del sud”.

Scheda interventi aeroporto, accordo Sac-EnacQuasi cento milioni di euro, 95 per essere esatti, di investimenti per i prossimi quattro anni con notevoli ricadute sul territorio. Interventi che riguardano il miglioramento dei servizi in tre fasi. La prima è quella della realizzazione di nuovi terminal. Si partirà dal terminal C, la vecchia Norma che tra l’altro non ha mai funzionato – ha sottolineato Nico Torrisi, ad Sac -, che verrà completato entro il 2017. Nel frattempo lavoreremo alla vecchia Morandi, terminal B, che sarà operativo solo alla fine di questo periodo di investimenti. Attueremo una riqualificazione dell’air side e verrà migliorata anche la viabilità interna attraverso il livello più alto di servizi, ma soprattutto attraverso la creazione di nuovi stalli per i parcheggi. Il tutto sarà inserito in una politica commerciale più aggressiva. Inoltre bisogna precisare che il Contratto di Programma 2017-2020 è un piano di investimenti “sostenibile”, nel senso che è assolutamente in linea con le possibilità economiche e finanziarie di SAC – conclude Torrisi – e ha trovato il supporto e la fiducia di importanti istituti di credito, pronti a sostenere l’impegno economico”.
Tutti interventi necessari per fronteggiare i limiti che al momento Fontanarossa subisce trovandosi sottodimensionata rispetto alle effettive necessità tra l’altro evidenziate, nei giorni precedenti, da ENAC: il rapporto trimestrale sul traffico negli aeroporti italiani documenta come Catania Fontanarossa, con il +16% di crescita registrato nei primi tre mesi del 2017, sia lo scalo con la più alta percentuale di sviluppo.

aeroporto Fontanarossa, accordo di programma Sac-Enac“Quello di Catania – ha detto Roberto Vergari, Direttore Vigilanza Tecnica ENAC – insieme ai sistemi aeroportuali di Roma, Milano e Venezia, è tra i più grandi del Paese. Ma vanno recuperati alcuni elementi di capacità e ci sono lavori contingenti da portare a termine per dare continuità e qualità dei servizi ai passeggeri. Con l’approvazione, oggi, del Piano di Sviluppo, del Piano della Qualità e del Piano Ambientale con cui è articolato il Contratto di Programma 2017-20 si fa un passo avanti verso l’accelerazione di questi investimenti da realizzare in tempi veramente stretti. Enac garantirà un monitoraggio continuo affinché vengano portati a termine tempestivamente e secondo un cronoprogramma puntuale”.
Monica Adorno

Vuoi lasciare un commento?