Stefano Zamagni a Catania per parlare di equità e nuovi modelli di economia

L’incontro si terrà domani, venerdì 9 febbraio, nel Palazzo della Cultura con inizio alle ore 16. L’evento è valido per la formazione degli iscritti all’Ordine dei Giornalisti (4 crediti)

Incontro con Stefano ZamagniCatania – Equità, modelli da cambiare e umanità. Venerdì prossimo, 9 febbraio, l’economista e docente universitario Stefano Zamagni, tra i maggiori esponenti dell’economia civile a livello internazionale, sarà a Catania, ospite d’onore della conferenza organizzata da FuturLab, in collaborazione con la cooperativa sociale Le terre del Tau.
Un’occasione unica per conoscere, dalla viva voce del docente ed economista, le soluzioni possibile alla disumanità dei mercati, governati da un capitalismo malato, che indeboliscono le comunità, già provate dalla lunga crisi economica.
Una sfida globale che coinvolge in primo luogo il Terzo settore, dalla quale occorre ripensare a un modello di sviluppo che porti a una crescita collettiva in termini di possibilità, che attivi un circolo virtuoso volto all’inclusione, alla condivisione, al contrasto alle vecchie e nuove povertà.

All’incontro, moderato da Orazio Maltese, saranno presenti anche il presidente di FuturLab, Antonio La Ferrara, Guido Minà, presidente della cooperativa Le Terre del Tau ed Emiliano Abramo per la Comunità di Sant’Egidio.
“L’incontro con il professor Zamagni ha cambiato profondamente la mia vita – spiega Minà. Ed è grazie a lui e alle sue parole ascoltate per la prima volta 5 anni fa – prosegue – che, dopo anni di impegno in Burundi, ho deciso di avviare il progetto ‘Le Terre del Tau’”.
Un modello da seguire, dunque, un esempio da replicare il più possibile. Questo lo scopo dell’incontro di venerdì 9 febbraio discutere di economia sociale e dare vita a progetti che possano far crescere l’intera comunità.
“Mi auguro – conclude Minà – che, come è successo per me, la Lectio Magistralis del professor Zamagni, streghi e coinvolga tanti imprenditori che, con poco, potrebbero cambiare le sorti di tanti”.

Vuoi lasciare un commento?