Aeroporti siciliani e futuro. Oggi un incontro in Sac per migliorare appeal turistico della Sicilia

Da sinistra: Nico Torrisi, Amministratore delegato SAC, Renato Serrano, Amministratore delegato SOACO, Giovanna Candura, Vice presidente SAC, Piero Agen Presidente Camera di commercio del Sud Est Sicilia, Sandro Gambuzza Presidente SAC, Silvio Meli Presidente Soaco, Salvatore Ombra Presidente Airgest, Michele Bufo Direttore generale Airgest

Da sinistra: Nico Torrisi, Amministratore delegato SAC, Renato Serrano, Amministratore delegato SOACO, Giovanna Candura, Vice presidente SAC, Piero Agen Presidente Camera di commercio del Sud Est Sicilia, Sandro Gambuzza Presidente SAC, Silvio Meli Presidente Soaco, Salvatore Ombra Presidente Airgest, Michele Bufo Direttore generale Airgest

Catania – Aeroporti siciliani, percorsi unitari, accordi commerciali e territoriali per migliorare l’appeal turistico della Sicilia. Di questo si è parlato oggi in SAC SpA, la società di gestione dell’aeroporto di Catania, durante un incontro con i vertici delle società di gestione degli Aeroporti di Catania, Comiso e di Trapani.
Alla presenza di Sandro Gambuzza, Giovanna Candura, Nico Torrisi, rispettivamente presidente, vicepresidente e amministratore delegato della SAC; di Salvatore Ombra e Michele Bufo, presidente e direttore di Airgest, la società che gestisce lo scalo di Birgi e Silvio Meli e Renato Serrano, presidente e amministratore delegato di SOACO, si è a lungo discusso di rete e di iniziative condivise da mettere in campo per ottimizzare competenze e risorse, al fine di migliorare le capacità attrattive dei tre aeroporti a servizio dei passeggeri ma anche delle compagnie aeree.

“Si è trattato del primo incontro tra i tre aeroporti siciliani interessati a fare network per rafforzare le iniziative comuni e avviare nuove sinergie di comunicazione e promozione – dichiara Nico Torrisi -. Il segnale che questo tavolo vuole mandare è che, nonostante i ritardi accumulatisi negli anni, si farà l’impossibile per recuperare il tempo perduto e per far partire i benefici auspicati – in quanto a nuove rotte – fin dall’estate 2020”.
Sulla stessa lunghezza d’onda i presidente di Airgest e SOACO: ”Vogliamo unire forze e competenze e mirare a diventare un unico sistema che possa sfruttare ogni idea e ogni risorsa a vantaggio di tutto il territorio siciliano. Chiediamo alla Regione Sicilia di sostenerci per ottimizzare la promozione turistica e strutturarla al meglio”.
Le società di gestione dei tre scali, sotto il coordinamento di Nico Torrisi, torneranno a riunirsi a breve insieme ai vertici regionali per avviare concretamente la collaborazione.

Vuoi lasciare un commento?