La Regione mette a disposizione i bus Ast contro il caro-voli, ma solo per gli universitari

Il Governo Musumeci ha chiesto alla partecipata corse a tariffe speciali con partenza da Milano, Roma e Napoli. I biglietti vanno acquistati entro domani, mercoledì 18 dicembre

pullman-astOtto pullman dell’Azienda siciliana trasporti faranno la spola tra il Nord e la Sicilia per consentire agli universitari isolani fuori sede di potere rientrare a casa per le vacanze di Natale. A causa delle proibitive tariffe delle compagnie di volo, infatti, moltissimi giovani rischiavano di non poter trascorrere il periodo festivo con i propri cari. Per questo motivo, il governo Musumeci ha varato un’iniziativa unica nel suo genere, anche se non si comprende come mai il servizio sia destinato solo agli studenti fuori sede e non anche a lavoratori, malati costretti a doversi curare fuori e tanti altri. Ma in buona sostanza ai residenti siciliani.
Polemiche a parte, entriamo nel merito. L’Ast, una partecipata regionale, effettuerà, a un costo simbolico che va da dieci a trenta euro, delle corse straordinarie con partenze da Milano, Roma e Napoli. Destinazione: Palermo, Catania e Messina. All’andata, il servizio sarà svolto dal 21 al 24 dicembre, al ritorno dal 5 al 7 gennaio. Gli orari di partenza del primo giorno sono tutti fissati per le 7.30. Nei giorni successivi dipenderà dal numero dei viaggiatori.
La prenotazione e il pagamento dovrà avvenire, entro mercoledì 18 dicembre, tramite il sito internet dell’Ast (www.astsicilia.it). Per usufruire del servizio straordinario bisognerà dimostrare di essere studenti universitari.
Otto i bus gran turismo, più altri cinque a disposizione in caso di necessità, che verranno utilizzati, insieme a un’officina mobile. Quaranta, invece, gli autisti che si alterneranno alla guida.
«Voglio ringraziare il presidente Gaetano Tafuri, per avere subito accolto la richiesta del governo, e il dirigente generale del dipartimento regionale delle Infrastrutture Fulvio Bellomo per la celerità nel rilascio di tutte le autorizzazioni necessarie. Quella che mettiamo in campo è una soluzione emergenziale che, comunque, non ci farà deflettere, nemmeno per un attimo, dalla battaglia che condurremo senza tregua fino a quando non si riusciranno a garantire ai siciliani tariffe aeree ragionevoli».

Vuoi lasciare un commento?