TEATRO | Elio Gimbo firma “Atto impuro”. L’omaggio a Pasolini andrà in scena al Castello Ursino

La corte del Castello Ursino ospiterà l’omaggio a Pasolini, per i cento anni dalla nascita, la sera di giovedì 4 agosto alle ore 21. L’ingresso è libero ma è consigliata la prenotazione
locandina_atto_impuro_fabbricateatroCatania – Lo spettacolo dal titolo “Atto impuro” prodotto del Centro Teatrale Fabbricateatro – inserito all’interno della programmazione del Catania Summer Fest 2022 – è un omaggio a Pier Paolo Pasolini per i cento anni dalla nascita. Trenta dalla nascita della compagnia catanese guidata da Elio Gimbo che debutterà giovedì 4 agosto nella Corte del Castello Ursino di Catania, in piazza Federico di Svevia, alle ore 21:00.
Si tratta di un’attenta rilettura in chiave teatrale ed originale dell’icona popolare pasoliniana mediante l’analisi di uno dei due racconti inediti giovanili brevi – ed in gran parte autobiografici – dal titolo “Adolescenti” inserito in “Atti impuri” e pubblicato trent’anni dopo la stesura nel 1982. Fabbricateatro metterà in scena la storia che, tra tutte, testimonia di più la giovinezza friulana di Pasolini. Narra narra l’amore giovanile vissuto sotto i bombardamenti nell’eden contadino del Friuli mentre Pier Paolo si trovava a casa della madre.
A vestire ed interpretare i panni del giovane intellettuale sono due donne, Maria Grazia Cavallaro e Sabrina Tellico che saliranno sul palco insieme ad un fantoccio di nome Nino: il “bambino – soldato”. Le due performer si cimenteranno nel tema del doppio teatrale – presente in “Petrolio”, ultimo romanzo pasoliniano – inscenando l’una l’aspetto “pubblico” del Pasolini, colui che razionalizza ed analizza i sentimenti quasi vivisezionandoli lucidamente; l’altra l’aspetto più “basso” che si nutre d’istinti minimizzando così il desiderio omossessuale che lo spinge a corteggiamento, adulazione e corruzione di minori fino al compimento di atti osceni in luogo pubblico. Così, pensando fosse difficile chiedere la complicità del pubblico data la delicatezza del tema trattato, nasce l’idea di far interpretare Pasolini a due attrici in modo da garantire il distacco e quindi la non assimilazione del genere con il personaggio.
Lo spettatore assisterà a un dialogo intimo e potente, forza motrice per eccellenza che ha investito – specie a seguito dell’assassinio dello scrittore – di “terribile bellezza” le opere di Pasolini.

Il regista e drammaturgo Elio Gimbo ha spiegato: «Ci è sembrato giusto celebrare la nascita di Pasolini ripartendo per un volta dalla vita, o meglio, dalla vitalità di uno scrittore che spesso abbiamo visitato nel corso della nostra esperienza artistica; una riflessione coerente con l’equivalenza pasoliniana tra corpo ed opera. Non vi è sentimento umano che egli non abbia sperimentato con il proprio corpo ed in prima persona, con tutto il carico straziante di un omosessuale, per lo più ebefilo, messo di fronte alla complicata convivenza tra il proprio orientamento e la società italiana del suo tempo».
Le repliche dello spettacolo andranno in scena il 9, 10, 11, 12, 24, 25, 26, 27 e 28 agosto presso il Giardino Pippo Fava, che è anche la sede di Fabbricateatro, in Via Caronda, civico 82 a Catania, sempre alle ore 21 previa prenotazione. Il prezzo d’ingresso è di 5 euro per sostenere il Centro Teatrale Fabbricateatro. La produzione è a cura di Elio Gimbo, Maria Grazia Cavallaro, Sabrina Tellico, Daniele Scalia (amministratore esecutivo), Bernardo Perrone (scena), Simone Raimondo (luci), Maria Stella Anile (assistente).
Lo spettacolo è stato realizzato con il contributo di Assessorato Turismo Sport e Spettacolo Regione Siciliana ed è patrocinato dal Comune di Catania.
L’ingresso alla “prima” al Castello Ursino è gratuita, ma per l’ingresso è necessaria la prenotazione da fare al 347.3637379.
Le repliche che andranno in scena al Giardino Pippo Fava dal 9 al 28 agosto nel Giardino Pippo Fava prevedono un biglietto di € 5. Anche in questo caso si consiglia la prenotazione.

Vuoi lasciare un commento?